PIEVE DI CADORE. Il forte di Montericco torna a parlare di storia: domenica 24 maggio, giorno dell’entrata in guerra nel 1915 dell’Italia, riaprirà le porte della sua capponiera: questa volta non sarà per caricare i cannoni, ma per ricordare chi in quel tragico conflitto lo combattè, morendoci o rimanendo mutilato. Domenica alle 17, infatti, nella sala ricavata col restauro della struttura, il vicepresidente della Magnifica, Emanuele D’Andrea, presenterà il libro da lui realizzato su incarico dell’ente comunitario nell’ambito del programma delle celebrazioni per il centenario dello scoppio della Grande Guerra e intitolato “I monumenti urbani ai soldati cadorini che morirono in guerra per l’Italia”. La presentazione del volume è stata affidata alla scrittrice Antonella Fornari, mentre gli interventi di commento saranno dell’autore del volume e di Valentina Comis. «Non è stata una operazione semplice arrivare alla stampa di questo libro», ha affermato D’Andrea, «ci sono voluti due anni di lavoro tra lo scrivere ai Comuni per avvisare che stava nascendo un volume per ricordare i monumenti esistenti nei loro paesi a ricordo dei Caduti e ricevere risposte. Molte Amministrazioni non hanno risposto subito, è stato necessario sollecitarle più volte. Spesso negli uffici non conoscevano nemmeno l’esistenza dei fascicoli con la storia dei monumenti. E’ stata insomma un’opera difficile e lunga, portata a termine anche grazie all’aiuto di volontari». (v.d.)

Corriere delle Alpi del 19 maggio 2015

http://corrierealpi.gelocal.it/belluno/cronaca/2015/05/19/news/il-24-presentazione-del-libro-di-d-andrea-sulla-grande-guerra-1.11458103