L’amministratore può disporre, in assenza di previa delibera assembleare, lavori di straordinaria amministrazione, qualora siano caratterizzati da urgenza (cfr. Art. 1135, comma 2, c.c.).

In mancanza di questo requisito, il rapporto obbligatorio è riferibile all’amministratore stesso, e non al condominio, trattandosi di atto posto in essere dell’amministratore al di fuori delle sue attribuzioni.

(Cfr. Cassazione civile, sez. II, 02 Febbraio 2017, n. 2807. Est. Federico)