La realizzazione da parte di uno dei coniugi senza il consenso dell’altro su un fondo in comunione legale di uno o più edifici costituisce atto eccedente l’ordinaria amministrazione di cui è possibile fare valere l’annullabilità in giudizio. (Cass. Civ. n. 21024 del 3.01.2019)